JPRV espone a Villa Sauber, Monaco

Pubblicato da Roland Mallet il

Su invito di Cristiano Raimondi, curatore della mostra " Unstable Artifices ", la sala archivi di Villa Sauber presenterà accanto a questa mostra in due pezzi prodotta da JPRV (alias Jean-Philippe Racca Vammerisse) durante l'estate 2020 al Logoscope nell'ambito del programma di ricerca “Kaolin Monks” sulla storia delle produzioni ceramiche a Monaco. Questi vasi di echinodermi esplorano il mistero delle profondità della notte acquatica.

La mostra è visibile dal 18 settembre al 31 gennaio 2021 al NMNM, Nuovo Museo Nazionale di Monaco presso Villa Sauber, 17 avenue Princesse Grace a Monaco.

Puoi trovare altri lavori di JPRV in " Racca Vammerisse. Dark night of the soul ” l'ultimo catalogo monografico pubblicato in occasione della mostra“ Jean-Philippe Racca Vammerisse. Nella regione notturna del mio oblio ”al Fil Rouge e al Museo La Piscine di Roubaix (FR) dal 2 dicembre 2017 al 17 febbraio 2018.

Ancorare la memoria & Vasi Echynoderm

“JP Racca Vammerisse è entrato a far parte di Le Logoscope (laboratorio di ricerca artistica in media, multipli - Monaco) nel 2016 come membro attivo e partecipa al programma Moines Kaolin che ha lanciato con Agnès Roux nel 2018. La sua pratica artistica plurale è costruita attorno a un mondo onirico ai margini della realtà. Il suo modus operandi mette in discussione l'arte nella sua capacità di coltivare storie che spaziano dai miti fondatori inscritti nella nostra memoria collettiva a quelli che traducono ricordi personali, le nostre mitologie personali.

Il suo mezzo preferito è la ceramica. È al servizio dei suoi vari progetti di scultura. Le impone così un ritmo, una resistenza per le proprie caratteristiche. Quindi incarna la figura del demiurgo e libera il campo delle possibilità sviluppando un universo unico. Affermarsi oggi come scultore è anche far parte di una tradizione, di una storia. L'ancoraggio commemorativo legato alla sua storia familiare, l'asse del patrimonio del programma Moines Kaolin e la sua residenza a Madoura, luogo d'arte, storia e creazione a Vallauris Golfe-Juan nel 2016, lo ha portato a riscoprire un patrimonio artistico e regionale delle ceramiche turistiche e dei legami sia storici che formali esistenti tra Vallauris e Monaco. Era particolarmente attaccato ai grandi semi della dinastia Massier (Jérôme, Clément e Delphin). Queste fioriere e fioriere erette su piedistalli con effetti di smalti fiammati e deliquescenti dialogano con il suo lavoro, che combina le nozioni di base / spazio e colore / materiale.

In risonanza con il naturalismo del XIX secolo, bestiario fantasmagorico e flora non evocano più una natura sublimata ma in una dimensione ecologica attuale, una natura mutante che rimane altrettanto affascinante ... I due pezzi presentati a margine della mostra Artifici instabili , esplora il mistero delle profondità abissali - nuova terra incognita - dove l'immaginazione si precipita. Straordinaria fauna sottomarina, questi vasi “a cratere” incarnano un intimo racconto allegorico che si gonfia come un ascesso o si sgretola sotto il peso degli sguardi. "

Agnès Roux (settembre 2020)

0 commenti

Lascia un commento

Si prega di notare che i commenti sono soggetti ad approvazione prima di essere pubblicati