Damien Deroubaix. La valise d'Orphée

Editions Lord Byron

Prezzo di listino €20,00

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Christine Germain-Donnat (sotto la direzione di), Damien Deroubaix . La valise d'Orphée , Parigi, Éditions Lord Byron, 2021

1a edizione
Edizione di 300 esemplari
Copertina rigida, 22 x 28 cm, 64 pagine
Edizione bilingue: francese, inglese
Tradotto dal francese da Ben Lenthall
ISBN: 978 - 2-491901-11-0

Damien Deroubaix. La valise d'Orphée è il catalogo pubblicato in occasione dell'omonima mostra dal 15 giugno al 31 ottobre 2021 che inaugura la riapertura del Musée de la Chasse et de la Nature a Parigi (FR). Include una prefazione di Christine Germain-Donnat, la presentazione della "Valise d'Orphée" di Joanna Chevalier, una dichiarazione di Damien Deroubaix raccolta da Annabelle Gugnon e un racconto scritto da lei.

Nato nel 1972 a Lille, Francia, Damien Deroubaix vive e lavora tra Meisenthal e Parigi. Si è diplomato all'École des Beaux-Arts di Saint-Etienne e all'Akademie der bildenden Künste di Karlsruhe. Dal 2003 il suo lavoro è stato esposto nelle migliori istituzioni europee ed è stato oggetto di numerose mostre personali, in particolare in Svizzera e Germania.

La pratica artistica di Damien Deroubaix è caratterizzata da una grande diversità di forme e tecniche: pittura a olio, acquarello, incisione, arazzo, pannelli di legno incisi, ma anche scultura e installazione. Questa varietà formale risponde alle fonti e ai riferimenti più eclettici, spesso convivendo nelle sue opere in uno spirito che ricorda quello iconoclasta dei montaggi dadaisti. Motivi presi in prestito dalle danze macabre medievali si mescolano alle evocazioni di capitoli tragici della storia contemporanea; le immagini di attualità si mescolano alla mitologia e al folklore; la storia dell'arte e la scena musicale metal si scontrano lì. Apertamente espressionisti, i suoi dipinti evocano spesso temi apocalittici, ed è forse questo che li rende così senza tempo.

Curatrice della mostra e consulente artistica, Joanna Chevalier è anche direttrice della Beirut Art Fair. Nata in Libano e laureata in scienze politiche all'Università americana di Parigi, è stata direttrice artistica di Ernst & amp; Giovane. Ha organizzato mostre in particolare in Francia e Libano, come all'Espace Culturel Louis Vuitton con Hervé Mikaeloff nel 2010 o la produzione di installazioni durante la “Nuit Blanche” a Parigi nel 2012.

Christine Germain-Donnat ha iniziato la sua carriera nel 1999 come curatrice al Palais des Beaux-Arts di Lille, poi al Musée des Beaux-Arts e al Musée de la Céramique di Rouen. Mentre dirigeva il museo Grobet-Labadié, è stata incaricata della direzione del progetto del museo delle arti decorative e della moda al Château Borély di Marsiglia dal 2008 al 2013, prima di assumere la direzione del dipartimento del patrimonio e delle collezioni a Sèvres-Città di ceramica. Christine Germain-Donnat ha assunto la direzione del Musée de la Chasse et de la Nature nel 2019.

Psicoanalista e critica d'arte, Annabelle Gugnon ha lavorato a lungo per Beaux-Arts Magazine e collabora regolarmente con ArtPress. Ha contribuito a numerosi cataloghi di mostre e ha condotto una serie di dibattiti al Louis Vuitton Cultural Space. È appassionata dell'infanzia e del modo in cui la vita adulta è radicata nelle prime esperienze. Si è formata in psicoanalisi presso la clinica La Borde di Blois, un istituto psichiatrico fondato dal dottor Jean Oury che ha notevolmente contribuito allo sviluppo della psicoterapia istituzionale.