Maud Louvrier-Clerc

Editions Lord Byron

Prezzo di listino €22,00

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Maud Louvrier-Clerc e Laurent de Verneuil (Sotto la dir. di), Maud Louvrier-Clerc. Empreinte durable, Paris, Éditions Lord Byron, 2021

1a edizione
Edizione numerata e limitata a 100 copie
Le prime 20 copie sono accompagnate da un'opera originale dell'artista
Copertina rigida, 21 x 28 cm, 64 pagine
Lingua: Francese
ISBN : 978-2-491901-06-6

Maud Louvrier-Clerc. Empreinte durevole è la prima opera monografica dell'artista francese. Dal 2012 al 2020 ripercorre la sua esplorazione transdisciplinare tra arte, design e architettura. Dalla sua prima residenza presso l'Istituto per il futuro desiderabile alla sua ricerca sull'equilibrio intorno alla forma quadrata. Dai suoi protocolli cittadini come JEMONDE ai suoi recenti lavori sull'antropocene marino. Sotto la direzione di Maud Louvrier-Clerc e Laurent de Verneuil, include una prefazione di Pauline Lisowski e testi di Virginie Chuimer-Layen, Romain Arazm e Maud Louvrier-Clerc.

Maud Louvrier Clerc è un'artista francese concentrata su una consapevolezza poetica dell'ecologia. Identità, interdipendenza e impronta sono i temi essenziali della sua ricerca. Appassionata di astrofisica, biologia, storia, economia, filosofia, musica, danza e immersioni, influenzano anche il suo approccio. Il suo lavoro è stato presentato a festival come Vita Nova e We Love Green, biennali a Saint-Etienne e Pantin, e nel contesto di diverse mostre collettive o personali a Villa Savoye, allo Château d'Angers e alla Galerie Bertrand Grimont.

Dopo una formazione nelle discipline del giornalismo, storia dell'arte e filosofia, Romain Arazm sviluppa progetti culturali unendo conoscenze, abilità e traiettorie.
Storico dell'arte, critico e curatore, ha iniziato a France Culture. Dopo un breve periodo al Centre des Monuments Nationaux, è entrato a far parte della casa d'aste Piasa dove si occupava dei rapporti con la stampa. Nel 2019 ha fondato la società Mazart Production e sostiene artisti emergenti consigliandoli sulle strategie di visibilità attraverso la produzione di video, curando mostre e scrivendo testi.
Autore e saggista, ha pubblicato nel 2019 À l’ombre des arbres de Montagnola, L'Univers végétal d'Herman Hesse e il suo primo romanzo La Pastorale Retrouvée nel 2020.

Una storica dell'arte esperta, Virginie Chuimer-Layen è una giornalista freelance con La Gazette Drouot , Ateliers d'Art , Intramuros , ArchiSTORM , AMA e Arts Magazine . È in particolare autrice di Impressionismo, artisti e il loro tempo , pubblicato da Sélection du Reader's Digest nel 2003. Oltre al suo lavoro editoriale, è docente presso Drouot Formation, Institut de Formation de l ' Hôtel Drouot (così come in diverse scuole superiori di business), per cui lavora in particolare nei campi delle prime arti (Africa, Oceania, Nord America) e della pittura del periodo 1860-1960.

La critica d'arte Pauline Lisowski ha fondato un blog sull'arte contemporanea, The art corridor < / em> e collabora regolarmente con le riviste Point Contemporain , BoumBang , Branded , Inferno , Kritiks e Artaïssime ). Si interessa di pratiche artistiche che interessano principalmente lo spazio, l'arte del paesaggio, l'installazione in situ in relazione all'architettura e progetti che creano legami con la cartografia. Considera lo spazio espositivo un luogo di ispirazione per la sua storia e la sua architettura. I suoi progetti consistono nell'invitare gli artisti a prendere il tempo per scoprire uno spazio, per trovare materiale per la creazione in esso per investirlo e rivelarlo. Costruisce le sue mostre da un'esperienza del luogo e del territorio. Accompagna così l'artista nella sua riflessione e nel suo processo creativo.