Olivier Kaeppelin, Gaël Davrinche. Faire face

Editions Lord Byron

Prezzo di listino €25,00

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Olivier Kaeppelin, Gaël Davrinche. Faire face, Paris, Éditions Lord Byron, 2021

1a edizione
Edizione numerata e limitata a 370 copie.
Copertina rigida, 23 x 28 cm, 132 pagine
Lingua: Francese, Inglese
Tradotto in inglese da Jeremy Harrison
ISBN : 978-2-491901-08-0

Un contenuto ampliato del libro è disponibile alle pagine 35, 40, 72-73 e 126-127 sotto forma di sequenze video tratte dal film Gaël Davrinche, Clair Obscur dalla serie “Terra Artistika” di Régine de Lapize e Christophe Soupirot.

Gaël Davrinche. Faire face è il catalogo pubblicato in occasione della mostra “Gaël Davrinche. Face ”alla Galerie Vazieux di Parigi (FR) dal 24 aprile al 28 maggio 2021.

Gaël Davrinche è un pittore francese nato nel 1971. Vive e lavora a Montreuil. Laureato alla Scuola Nazionale di Belle Arti di Parigi nel 2000, professore di disegno e pittura presso gli Ateliers de Sèvres dal 2007, da allora ha intrapreso una carriera artistica internazionale. Il suo lavoro prolifico, che si presenta sotto forma di dipinti, disegni, sculture o stampe, reinveste principalmente i generi classici del ritratto e della natura morta in un dialogo plastico tra la tradizione e la completa decostruzione di quest'ultima.

L'artista infatti non ha mai smesso di scavare, frugare, scavare nel cuore della Storia dell'Arte nelle opere dei suoi illustri coetanei, che secondo lui costituisce l'essenza stessa della pittura. Prendendo spesso in prestito dal registro grafico dell'infanzia, cita e caricatura umoristicamente i capolavori dell'arte europea come parte di una serie fluviale chiamata "Les Revisités". Ponendosi la questione della legittimità del ritratto dipinto, in un momento in cui la commissione non esiste più, Davrinche ha affinato il suo pensiero nel corso degli anni, in particolare con la serie "Under the skin" o "Kalashnikov". Fondamentalmente libero, il suo gesto è a volte incisivo e nervoso, a volte perfettamente meticoloso. L'audacia con cui l'artista alterna gli stili, passando dal realismo colto all'espressionismo più spontaneo, illustra tutto l'attaccamento alla pittura come mezzo dalle possibilità ancora inesauribili, sebbene la critica abbia più volte annunciato il contrario.

Perfettamente complementare, il Memento Mori porta un respiro sognante al lavoro di Gaël Davrinche. In questa serie di disegni e dipinti raffiguranti fiori appassiti, l'artista affronta attraverso il prisma dell'allegoria il tema senza tempo del ciclo della vita e infine svuota il ritratto dell'uomo di fronte alla propria ansia esistenziale. Un sentimento intimo e universale che viene ad esplorare con molta poesia. (Fanny Giniès)

Olivier Kaeppelin è un curatore, critico d'arte e scrittore francese. Dagli anni '90 alla fine degli anni '10 ha ricoperto numerosi incarichi senior presso France Culture, Radio France, presso il Ministero della Cultura e della Comunicazione dove è stato Direttore delle Arti Visive dal 2004 al 2010, al Palais de Tokyo e presso la Fondazione Maeght, di cui è stato responsabile dal 2011 alla fine del 2017. Inoltre, è stato ricercatore presso la Practical School of Advanced Studies, insegnato presso l'Università di Parigi-VIII nel dipartimento di Letteratura, al Panthéon- Università della Sorbona nel dipartimento di storia dell'arte, nonché all'Ecole des Beaux-Arts di Nantes.

Creatore di riviste letterarie e artistiche come Exit e Le Grand 8, collabora con numerose pubblicazioni come Art Press, Beaux-Arts magazine, Change, La Quinzaine littéraire, L'Autre Journal, L'Ennemi, Libération o Opus. Ha anche scritto numerosi saggi e testi, in particolare su Gérard Gasiorowski, Daniel Dezeuze, Richard Baquié, Imi Knoebel, Richard Deacon, Enzo Cucchi, Gunther Brüs, Bernard Moninot, Jaume Plensa, Pierrette Bloch, Erik Dietman, Joan Miró, Jonathan Lasker, Yan Pei Ming, Daniel Pommereulle, Damien Cabanes, Gérard Garouste, Philippe Cognée, Claire-Jeanne Jézéquel, Lee Bae, Djamel Tatah, Eduardo Arroyo, tra molti altri.

Curatore di mostre, è su iniziativa di eventi come La Triennale (La Force de l'art), la cui prima edizione si è tenuta al Grand Palais nel 2006 e al Monumenta, manifestazione che offre un artista alla notorietà internazionale investi la navata centrale del Grand Palais, come Anselm Kiefer, Richard Serra, Christian Boltanski, Anish Kapoor, Daniel Buren, Emilia e Ilya Kabakov o Huang Yong Ping. È stato curatore o co-curatore con artisti di spicco in particolare per l'Esposizione Universale di Siviglia, Villa Medici, la Biennale di Venezia, il Kunstmuseum Pablo Picasso di Münster e il Museo Max Ernst di Brühl in Germania, il Museo di Belle Arti di Nantes, il Tokyo National Arts Center, i laboratori del Museo d'arte moderna della città di Parigi (ARC) e molte altre istituzioni in tutto il mondo.