Speedy Graphito. Visite au musée

Editions Lord Byron

Prezzo di listino €25,00

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Stéphanie Pioda, Speedy Graphito. Visite au musée , Parigi, Éditions Lord Byron, 2021

1a edizione
Edizione di 280 copie numerate
Le prime 50 copie sono accompagnate da una digigrafia dell'artista
Copertina rigida, 22 x 28 cm, 80 pagine
Edizione bilingue: francese, inglese
Tradotto dal francese da Ben Lenthall
ISBN: 978-2-491901-18-9

Speedy Graphito. Visite au musée è il catalogo pubblicato per la mostra “Speedy Graphito. Visite au musée ”presso la Provost Hacker Gallery di Lille (FR) dal 25 novembre 2021 al 15 gennaio 2022.

Nato nel 1961, Speedy Graphito vive e lavora a Parigi. Artista pionieristico d'avanguardia, riconosciuto come uno dei pionieri del movimento francese "Street Art" (arte urbana contemporanea), è ora riconosciuto a livello internazionale come uno dei maggiori artisti della sua generazione.
Dall'inizio del Negli anni '80, subito dopo la libera figurazione, Speedy Graphito ha permeato la memoria collettiva e i muri di Parigi con il “Graphito Style” colorandoli con le sue suggestive grafiche.
Tanto prolifico quanto inventivo, Speedy utilizza tutte le forme espressive - pittura, scultura, installazione, foto o video, per creare attraverso il suo lavoro e nel corso dei secoli un linguaggio universale intriso di zeitgeist.
Sviluppate per temi, le sue mostre si susseguono offrendo universi sempre nuovi e sorprendenti. In continua evoluzione e reinventarsi, il suo marchio di fabbrica è quello di un'arte gioiosa e profonda, spesso dai colori accesi, in cui scuote scherzosamente e ironicamente i nostri sistemi di percezione. In questo approccio, non esita ad appropriarsi e deviare tutto l'immaginario della cultura popolare, dei supereroi, persino dei marchi, ottenendo così una decrittazione quasi sistematica del nostro inconscio collettivo. Quindi declina in altrettante domande le norme e i diktat della nostra identità culturale occidentale, sovrapponendo una dimensione più poetica alla realtà della nostra società.

"Speedy riproduce campionamenti, preleva, afferra e si appropria liberamente, mixa come un DJ con la sua playlist. Appartiene sicuramente alla cultura del suo tempo, erede di questo Novecento plasmato dal radicalismo di Marcel Duchamp con i suoi ready-made, dal desiderio di spiritualità di un Mondrian o di un Kandinsky o dalla forza d'urto di un Warhol che dissacra l'arte. "(Stéphanie Pioda)

Stéphanie Pioda è storica dell'arte, giornalista e curatrice di mostre. Dopo il primo ciclo della Scuola del Louvre, l'anno di museologia e un master in arte contemporanea presso l'Università di Parigi IV - Sorbona, collabora con Le Journal des Arts e The Eye < /em>. Dal 2006 al 2011 è stata caporedattrice e membro fondatore dell' International Art Diary (IAD). Attualmente è giornalista ed editore per la rivista Beaux-Arts e Beaux-Arts éditions , nonché per Le Quotidien de l'art , Archéologia e gli File di archeologia , La Gazette de Drouot e Artistik Rezo . Stéphanie Pioda scrive principalmente di mercato dell'arte, arte contemporanea, archeologia e artigianato. Ha partecipato a diversi progetti editoriali con le edizioni Somogy (in particolare le monografie su Speedy Graphito e François Bard).