Yoann Estevenin. Nés de la dernière pluie

Editions Lord Byron

Prezzo di listino €26,00

Imposte incluse. Spese di spedizione calcolate al momento del pagamento.

Christian Lacroix, Yoann Estevenin. Nés de la dernière pluie , Parigi, Éditions Lord Byron, 2021

1a edizione
Edizione numerata e limitata a 200 copie
Copertina rigida, 21 x 28 cm, 64 pagine
Edizione francese
ISBN: 978-2-491901-10-3

Yoann Estevenin. Nés de la dernière pluie è la prima pubblicazione della Galerie Vachet-Delmas sull'artista francese. Comprende opere recenti di Yoann Estevenin che dialogano con un testo originale di Christian Lacroix.

Nato nel 1992 a Cagnes-sur-Mer in Francia, Yoann Estevenin vive e lavora a Parigi. Dopo l'Ecole des Beaux-arts de Montpellier nel 2014, si è diplomato con le congratulazioni della giuria dell'Ecole Nationale Supérieure des Beaux-arts de Paris nel 2018. È stato inoltre selezionato nel 2019 per il premio per il disegno contemporaneo del Beaux-Arts de Paris. arts de Paris, e nel 2020 per il Premio Sisley. Il lavoro di Yoann Estevenin viene regolarmente presentato in mostre personali e collettive sia in Francia che all'estero. Possiamo evidenziare la sua ultima mostra personale alla Galerie Vachet-Delmas di Sauve nel 2019, la sua partecipazione a “Félicità” al Palais des Beaux-arts di Parigi lo stesso anno o “100%” alla Grande Halle de la Villette di Parigi. Yoann Estevenin plasma un universo malinconico e irriverente. Attribuisce un'importanza primaria alle carte, ai materiali e ai colori con cui lavora. Con i polpastrelli, con i pastelli, i pigmenti o il trucco, disegna esseri desiderosi, personaggi sfrenati, ambigui e sgargianti. Corpi fantasmagorici indefinibili che si evolvono tra generi, tra temporalità e tra realtà.

"Non ho mai incontrato Yoann Estevenin prima. Solo a cavallo tra un poster, uno schermo, un'immagine. E questo per il momento è quasi sufficiente. Fermarsi esattamente come al semaforo rosso, un po' proibito, se non "sbalordito", comunque stupito, alla vista di un UFO pittorico, di un'innovazione grafica che ti impedisce di andare tranquillamente per la tua strada, costituisce già per me un vero "incontrare". Sia lo stupore che la curiosità sono diventati oggi merce rara. "(Christian Lacroix)

Nato ad Arles nel 1951, il couturier Christian Lacroix ha iniziato a studiare Storia dell'Arte presso la Facoltà di Montpellier nel 1969, con l'obiettivo di diventare curatore di musei. Nel 1971 si trasferisce a Parigi e prosegue gli studi alla Sorbona, prima di entrare all'Ecole du Louvre. Tutta la sua carriera nel mondo della moda è stata segnata dalla passione per l'arte, che ha unito a lungo, in particolare al Museo Réattu della sua città natale, dove organizza regolarmente mostre, quando non lo è non è il curatore degli Incontri Fotografici. Nel 2015 il museo Cognacq-Jay di Parigi gli ha commissionato di rinnovare il fil rouge dell'esposizione permanente attraverso il tema del costume, e di curare la mostra temporanea “Luci, carta bianca a Christian Lacroix”, in un confronto di opere del XVIII secolo dalla collezione Cognacq-Jay con opere di artisti contemporanei, come Tim Walker, John Currin o Glenn Brown. Nel 2018 ha curato l'allestimento della mostra "The Empire of Roses" dedicata all'arte della dinastia iraniana Qajar al Louvre-Lens.